RSS

Archivi categoria: Guadagnare in fondi

JACKFLY apre la Settimana della Comunicazione, con Italiani di Frontiera

Lunedì 1 Ottobre si apre a Milano La Settimana della Comunicazione 2012, la più grande iniziativa italiana dedicata alla comunicazione. Un evento collettivo, annuale, diffuso in molti spazi della città di Milano, con un calendario di sette giorni di iniziative gratuite e aperte alla città. JACKFLY, sarà partner dell’evento di apertura: la conferenza spettacolo di Italiani di Frontiera, un viaggio “Dal West al Web”, dall’Italia a Silicon Valley e ritorno, esperimento di giornalismo creativo e indipendente, ideato, organizzato e realizzato dal giornalista Roberto Bonzio. Attraverso storytelling multimediali di forte impatto emotivo, IdF combina racconto e nuove tecnologie per indagare con un pizzico d’ironia sui segreti di talento e spirito d’impresa degli italiani, sul perchè vengano esaltati nella culla mondiale dell’innovazione e su stereotipi e cattive abitudini che occorre rimuovere perchè non vengano mortificati in patria.

JACKFLY è un Progetto multimediale culminato in un avvincente romanzo thriller finanziario accolto con successo da critica e pubblico  (scaricabile gratis su www.jackfly.net), “Jackfly – La ribellione” ha convertito in fiction un’esperienza vera vissuta sulla propria pelle dall’autore, Nicola Scambia. Che si è riconosciuto in alcuni dei valori portanti di Italiani di Frontiera: tenacia, creatività e spirito d’impresa. E che da esperto del mondo finanziario ha firmato pure un saggio-manuale, “Guadagnare in Fondi Oggi” (scaricabile gratis su www.nicolascambia.net).

Vi aspettiamo lunedì 1 Ottobre, alle 10, a Milano, al Palazzo dei Giureconsulti (piazza Mercanti 2), nella Sala delle Colonne, per la presentazione multimediale di Italiani di Frontiera.

Annunci
 
 

“guadagnare in Fondi OGGI” al Trofeo Judo Expo 2012

Il weekend del 5 e 6 Maggio siamo stati presenti con “guadagnare in Fondi OGGI” al Trofeo Internazionale di Judo Expo 2012, a Sesto San Giovanni, attraverso la sponsorizzazione all’evento. La manifestazione ha compreso anche una competizione giovanile, il Criterium Giovanile “Città di Sesto San Giovanni”, alla cui premiazione si riferisce la foto.

Una presentazione dei risultati è visibile su Italia Judo, Per un’ampia selezione di fotografie, si può accedere alla Gallery sulla pagina Facebook di ItaliaJudo.

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

guadagnare in Fondi OGGI – 4° Puntata: Che cosa significa veramente “diversificare”?

Continuiamo la pubblicazione, a puntate, del tascabile “guadagnare in Fondi OGGI”, di cui abbiamo pubblicato i primi 3 paragrafi. Per scaricare gratuitamente l’intero libro, basta cliccare su questo link (Ricordiamo che i dati presentati, a titolo di esempio, sono aggiornati al 2008, ma ciò non inficia la sostanza dei consigli e dei ragionamenti esposti).


guadagnare in Fondi OGGI 

1° Capitolo: QUALCHE PRINCIPIO DI BUON SENSO

4 – “Che cosa significa veramente “diversificare”?”

Diversificare è un termine molto usato in finanza, ma dobbiamo intenderci senza alcun dubbio sul suo vero significato.
Diversificare, infatti, non significa soltanto investire il proprio patrimonio in diverse risorse, in ambiti e settori diversi, in nazioni diverse.
Significa, principalmente, investire in modo che le tendenze NEGATIVE di un’attività siano il più possibile compensate da quelle POSITIVE di un’altra.
Questo è molto importante da capire, altrimenti ci potremmo trovare in una situazione per cui, pensiamo di aver diversificato, ma in realtà non l’abbiamo fatto. Come nel caso in cui, ad esempio, uno abbia investito, contemporaneamente nel settore automobilistico e in quello dei pneumatici: è molto probabile che i due settori si muovano in sintonia, e quindi alla crisi dell’uno corrisponda puntualmente la crisi dell’altro (poche auto = pochi pneumatici).
Per evitare questo rischio – che non è trascurabile – è importante valutare molto attentamente quali sono i collegamenti di mercato che possono esistere tra diversi settori. Una volta studiati questi collegamenti, la parola d’ordine diventerà: diversificare sì badando a scegliere attività che NON si muovono nella stessa direzione!
Non fare anche tu come fece un mio cliente, le cui vicende ti racconto qui di seguito.

Dicembre 2007. Una bella domenica il signor Rossi, invece di guardarsi la partita in TV, legge un articolo su un giornale finanziario e il lunedì mi chiama in ufficio. Vuole vendere tutto e comprare un Fondo BRIC. I Fondi BRIC sono quelli che investono nei mercati azionari emergenti di Brasile, Russia, India, Cina.
Io, ovviamente, faccio il mio mestiere e cerco di dissuaderlo: innanzi tutto bisogna sempre diversificare, ed è sbagliato investire tutto su un solo prodotto. Poi questi Fondi sono molto volatili e correlati – il che vuol dire che, se perdono, perdono di brutto. Ma lui niente: insiste. Aveva letto un articolo in cui i pregi del Fondo BRIC erano documentati con argomenti solidissimi e non c’era niente da fare. Bisognava fare come diceva lui.
“Ma chi è l’autore dell’articolo”, gli chiedo.
“Ah, l’autore non me lo ricordo”, mi risponde lui. “Era un’intervista al gestore”. Come dire: la persona meno obiettiva in circolazione su questo argomento!
Insomma: non c’è niente da fare. E poi, mi fa: “Anche questo Fondo è diversificato: investe in quattro mercati diversi”.
Ecco, anche qui, è proprio sbagliata l’impostazione: certo, i mercati erano diversi ma erano correlati, mentre diversificare significa specialmente combinare gli investimenti in modo che se qualcosa perde ci sia qualcos’altro che compensa. Cosa che non sarebbe accaduta con i Fondi BRIC.
A oggi – 30 settembre 2008 – l’indice dei Fondi BRIC ha perso, in media nell’ultimo anno, il 41%.

Nella prossima puntata andremo avanti a parlare della stampa finanziaria… ci si può fidare?
Se poi sei impaziente e vuoi già leggere il resto, puoi scaricare l’intero libro a questo link.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su febbraio 12, 2012 in Guadagnare in fondi

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

guadagnare in Fondi OGGI – 3° Puntata: Dopo quanto tempo è sensato effettuare un bilancio dell’investimento?


Continuiamo la pubblicazione, a puntate, del tascabile “guadagnare in Fondi OGGI”, di cui abbiamo pubblicato il primo ed il secondo paragrafo. Per scaricare gratuitamente l’intero libro, basta cliccare su questo link (Ricordiamo che i dati presentati, a titolo di esempio, sono aggiornati al 2008, ma ciò non inficia la sostanza dei consigli e dei ragionamenti esposti)


guadagnare in Fondi OGGI 

1° Capitolo: QUALCHE PRINCIPIO DI BUON SENSO

3 – “Dopo quanto tempo è sensato effettuare un bilancio dell’investimento?”

Nella tabella in apertura del post sono riportate le variazioni annuali dei maggiori mercati finanziari del mondo. Come puoi notare ogni anno c’è un mercato (diverso) che fa meglio degli altri.
A due mesi dalla fine del 2008, e con quello che sta succedendo, sono sicuro nessuno può dirti chi farà meglio (o meno peggio) entro il 31 dicembre 2008, figurati nei prossimi anni. Certo è che i mercati finanziari sono tutti collegati, che le performance di ogni mercato finiscono per ripercuotersi – nel bene e nel male – anche sugli altri. Ecco perché è necessaria una strategia di investimento: perché è vero, non sappiamo che cosa ci riserva il futuro, ma la borsa non è una roulette… a meno che non sia tu a farla diventare tale. La borsa può essere un terreno di prova difficile ma gestibile e, in qualche modo, controllabile.
Diversamente dal mercato immobiliare, nel quale spesso si deve attendere anni per capire se si è fatto un buon investimento, in quello mobiliare (che non per nulla si chiama così, mobiliare, ovvero “mobile”) si può fare una verifica annuale. O, addirittura, semestrale: in effetti ogni scelta di investimento può essere considerata positivamente se comincia a dare i suoi risultati nell’arco di 6/12 mesi.
Ma, questi mesi di verifica vanno inseriti in un periodo più ampio, tra i 3 e i 5 anni o, meglio, 10 anni.

Nelle prossime puntate parleremo di cosa significa realmente “diversificare. E’ comunque possibile scaricare l’intero manuale a questo link.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su gennaio 29, 2012 in Guadagnare in fondi

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

guadagnare in Fondi OGGI – 2° Puntata: Esistono previsioni affidabili?

Continuiamo la pubblicazione, a puntate, del tascabile “guadagnare in Fondi OGGI”, di cui abbiamo pubblicato il primo paragrafo il 20 dicembre 2011. Per scaricare gratuitamente l’intero libro, basta cliccare su questo link.

guadagnare in Fondi OGGI 

1° Capitolo: QUALCHE PRINCIPIO DI BUON SENSO

2 – “Esistono previsioni affidabili?”

Restiamo sulla questione dei tempi.
Le previsioni che si possono fare in borsa – come in meteorologia – cambiano di affidabilità a seconda della lunghezza del periodo cui si riferiscono. Quelle più affidabili sono a breve termine. Più i tempi si allungano, più si cerca di guardare lontano, meno si può essere affidabili.
Nessuno sa davvero cosa accadrà tra dieci anni, ma d’altra parte è vero che negli ultimi dieci anni c’è un 10% di Fondi che è cresciuto molto di più del mercato.
Come dire: non posso dire cosa accadrà tra dieci anni, ma posso essere abbastanza sicuro di realizzare più del mercato, se compro i migliori Fondi.
La questione, quindi, non è tanto affidarsi a qualche saputello che ci dice: “Io so come andranno i mercati finanziari di qui a dieci anni”.
Nessuno può dirlo, e chi lo dice sa di mentire.
La questione sta nell’accostarsi ai mercati con metodo, disciplina e una buona dose di cinismo.
È una questione di forma mentis, insomma. Come quella che ha il capitano di una nave che parte per un lungo viaggio: non può sapere con certezza che tempo troverà lungo la rotta, né si fida di chi, sulla banchina, pretende di pronosticargli per filo e per segno le condizioni atmosferiche che lo attendono. Però il capitano sa che ha ottime probabilità di arrivare comunque in porto salvando il vascello e il suo carico perché sa come affrontare le diverse situazioni atmosferiche che potrà incontrare durante il viaggio.

EMERGENZA CRISI: PRONTO INTERVENTO!!

I tuoi Fondi stanno perdendo. D’accordo, ma prima di prendere qualsiasi decisione chiediti:
1. Perdono più o meno del loro mercato di riferimento?
2. Ultimamente c’è stato qualche cambiamento nella gestione del Fondo che ne ha peggiorato le performance?
3. Cosa fanno in confronto ai Fondi concorrenti che investono nello stesso mercato?
Se la tua risposta ad almeno due di queste domande è confortante, mi raccomando: TIENI DURO, NON VENDERE!!! Altrimenti, chiedi al tuo consulente.

Nelle prossime puntate parleremo di come e quando fare un bilancio dell’investimento. E’ comunque possibile scaricare l’intero manuale a questo link.

 
1 Commento

Pubblicato da su gennaio 17, 2012 in Guadagnare in fondi

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

guadagnare in Fondi OGGI – 1° Puntata

A partire da questo post, pubblicheremo a puntate il tascabile “guadagnare in Fondi OGGI” un libro che meglio di altri spiega cosa fare nei momenti di incertezza per guadagnare con i fondi. Nel 2008 abbiamo pubblicato il tascabile “guadagnare in Fondi OGGI”, di cui andremo a postare un capitolo alla volta. Quanto scritto nel 2008 resta attuale anche oggi, come in ogni momento di grande incertezza dei mercati. Con i post di attualità, che pubblicheremo settimananalmente, andremo a commentare, mano a mano, l’evoluzione dell’economia e dei mercati, con consigli mirati quanto efficaci, per rendere una grande opportunità la più grande crisi che mai ha affrontato la zona euro.

guadagnare in Fondi OGGI 

1° Capitolo: QUALCHE PRINCIPIO DI BUON SENSO

1 – “Del diman non v’è certezza”

Tornerò spesso sul fatto che nessuno può dire di conoscere quale sarà l’andamento futuro dei mercati finanziari.
È per questo che fare le scelte migliori non significa andare a colpo sicuro ma ridurre il rischio complessivo degli investimenti.
Non si può pensare di fare tutte le operazioni di borsa in guadagno. Bisogna, invece, preventivare che alcune operazioni saranno in perdita ma questa perdita deve avere un senso per la comprensione complessiva della
situazione del mercato e per ridurre il rischio complessivo degli investimenti.
Tutti ci hanno sempre detto che l’investimento azionario deve essere visto in un’ottica di lungo periodo.
Dobbiamo pensare quindi che le persone che consigliano di investire solo in un’ottica di lungo periodo intendono con “lungo periodo” l’infinito?
Ovviamente no!
Prendiamo in considerazione la borsa italiana con i suoi 300 titoli quotati e che è ben rappresentata dall’indice MIB30.
In questi ultimi 10 anni abbiamo assistito a guerre, disastri di tutti i generi, fino alla crisi di questo ultimo anno, ma com’è stato l’andamento dell’indice MIB30 che rappresenta i 30 titoli più rappresentativi della Borsa italiana?
Nel periodo che va dal 30 settembre 1998 (MIB30=27754) al 30 settembre 2008 l’indice MIB30 (MIB30=26025), ha perso il 6,23%.
Ora, però, se andiamo a guardare in tabella le performance dei migliori e peggiori 5 Fondi azionari italiani, cioè quelli che hanno investito sulla borsa italiana in questo stesso periodo in cui l’indice perde complessivamente il 6,23%, abbiamo un’incredibile sorpresa.

Schroders ISF Italian Equity   180,13%
Oyster Italian Opportunities    120,26%
DWS Invest Italian Equities    119,97%
Eurizon Azioni Alto dividendo   83,55%
Fidelity Italy                           81,30%

quintultimo                               8,16%
quartultimo                               8,14%
terzultimo                                 4,80%
penultimo                                 0,42%
ultimo                                     -1,20%

Ci sono i cinque migliori Fondi che hanno realizzato guadagni che vanno dall’80% al 180%, mentre i cinque peggiori hanno perso fino all’1,2 per cento (per spirito di carità non indico il nome dei peggiori, ma ti dirò dove andare a scoprirlo).
Allora, è giustificata l’insoddisfazione degli investitori italiani? Certamente sì, ma solo di coloro a cui non è stato proposto di investire nei Fondi migliori. A te, ad esempio, hanno mai proposto i primi cinque Fondi della
tabella in questi ultimi dieci anni?
Come si sente quell’investitore che ha investito sulla borsa italiana, ma si è imbattuto in un Fondo che oggi accusa un rendimento talmente distante da quello del migliore che è come se avesse investito in altro Paese o settore? Non vorrei essere nei suoi panni. Anche perché c’è sicuramente un altro investitore, che ha investito nei Fondi migliori e anche oggi – 30 settembre 2008 – sta guadagnando.
All’altro investitore, invece, oggi forse la sua banca sta spiegando che non deve preoccuparsi: in fondo dieci anni non sono molti. Ci sono buone possibilità che, nei prossimi dieci anni, le cose vadano meglio…
Certo, tutto è possibile. Ma non tutto è probabile. E le probabilità che il Fondo peggiore negli ultimi anni di colpo si redima e diventi nei prossimi dieci performante sono talmente scarse da essere quasi inesistenti. Mentre sono molto buone le possibilità che il Fondo migliore continui così anche in futuro.

Nella prossima puntata andremo avanti a parlare delle previsioni… esistono previsioni affidabili?
Se poi sei impaziente e vuoi già leggere il resto, puoi scaricare l’intero libro a questo link.

 
3 commenti

Pubblicato da su dicembre 20, 2011 in Guadagnare in fondi

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,