RSS

Archivio dell'autore: JACKFLY

Newsletter JACKFLY N. 3

Immagine Newsletter n.3

 

 

 

Newsletter JACKFLY N. 3 

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 4, 2015 in Newsletter JACKFLY

 

Newsletter JACKFLY N. 2

Immagine Newsletter n.2

 

 

 

Newsletter JACKFLY N, 2

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 4, 2015 in Newsletter JACKFLY

 

Newsletter JACKFLY N.1

NL n.1

 

 

Newsletter JACKFLY N.1

 
Lascia un commento

Pubblicato da su febbraio 9, 2015 in Uncategorized

 

Newsletter JACKFLY N.0

 


La Newsletter JACKFLY n.0  è la presentazione ufficiale dell’ideatore della newsletter che verrà redatta ogni lunedì.

Potrete leggervi interviste a personaggi di rilievo nel mondo finanziario e vedere il REPORT JACKFLY, con i suoi grafici e indicatori.

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su febbraio 5, 2015 in Newsletter JACKFLY

 

JACKFLY, L’EROE DELLA FINANZA DIVENTA UNA NEWSLETTER

logo JACKFLYUna nuova iniziativa editoriale destinata a investitori in cerca di nuove opportunità

In un settore un po’ stagnante come quello della promozione finanziaria, pieno di persone molto misurate, tutte understatement e riservatezza, Nicola Scambia è un professionista diverso dal solito, che si è già distinto per aver inventato un personaggio come JACKFLY.

Chi è JACKFLY? E’  un personaggio di fantasia, l’eroe di coloro che hanno subito un’ingiustizia grave sul lavoro, che ha reagito contro una banca in modo imprevedibile e che ha trovato riscatto nel settore della promozione finanziaria e del risparmio gestito .

Oggi, JACKFLY diventa una newsletter, dedicata a tutti coloro che, in questo eroe, un po’ si ritrovano. Operatori del settore finanziario, investitori privati, promotori e private banker dinamici, in grado di cogliere le opportunità e in cerca di spunti di riflessione sulle trasformazioni in atto nel settore della promozione finanziaria.

Sarà una newsletter settimanale con interviste e testimonianze a veri esperti indipendenti  su temi direttamente o indirettamente collegati agli investimenti. Inoltre, una volta al mese chi lo vuole potrà partecipare a “Talenti a Cena”, l’occasione offerta ad un numero ristretto di persone  (massimo 20) di incontrare a cena un esperto e interrogarlo sulle sue view del settore.

“La newsletter mira a fare informazione, indipendente, efficace e soprattutto utile per chi vuole migliorare la sua situazione degli investimenti e il proprio lavoro di promotore finanziario, private banker o comunque responsabile della relazione con i clienti che voglio un prodotto-servizio performante  – spiega Nicola Scambia. – Cerco sempre il confronto con colleghi e investitori. Chi fa un mestiere come il mio, prima di essere un professionista è un uomo alla ricerca delle migliori soluzioni alle proprie esigenze professionali. In 25 anni di lavoro ho avuto buone idee da uomini che fanno questo mestiere con grande responsabilità ma  soprattutto con passione ”.

“La trasformazione dell’attività del promotore finanziario è già in atto – aggiunge Scambia. – Per realizzarsi richiederà almeno cinque anni, ma alla fine comporterà una drastica diminuzione del numero di promotori in circolazione. Il cambio generazionale  darà una svolta epocale. Sarà permesso ai promotori finanziari di organizzarsi in società per fornire un servizio di assistenza eccellente di concerto con la banca in cui si opera. Le banche, a loro volta, forniranno ai consulenti un’operatività adeguata. Le principali reti di vendita si rafforzeranno e la guerra si sposterà decisamente sul piano tecnologico. ”.

Nella pentola di JACKFLY bollono anche altre novità. Una è il Money Manager Talent, il primo talent show dedicato al mondo della finanza in cui un gruppo di gestori patrimoniali si scontreranno ad armi pari (ma senza esclusione di colpi), gestendo un patrimonio di 10 milioni di euro virtuali. L’iniziativa, rinviata per realizzarla al meglio, si farà e i lettori di JACKFLY avranno per primi tutte le news.

Un’altra novità è il progetto in corso di realizzazione OHMMen – One Hundred Million Dollar Men. Si tratta di un libro-inchiesta, realizzato intervistando un centinaio di operatori finanziari italiani e stranieri con un significativo parco clienti, la cui esperienza può far riflettere gli addetti ai lavori e non solo. I lettori della newsletter JACKFLY saranno aggiornati passo passo anche su questo.

Per maggiori informazioni e per ricevere la newsletter, basta mandare una mail a jackfly@jackfly.net.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su gennaio 30, 2015 in Newsletter JACKFLY

 

La balia asciutta

Un collega promotore mi racconta una storia divertente, che vi trasmetto così come me l’ha detta.                 “Anche se sono abbastanza cresciutello e lavoro a ottimi livelli, la mia banca ha deciso che potevo aver bisogno di una balia asciutta”. “Di un manager, vorrai dire”. “No, no. Anch’io pensavo a un manager, ma in realtà, quello che mi hanno fatto conoscere è proprio una balia asciutta. Ti spiego. “La prima cosa che ha fatto è togliermi dal mio ufficio e mettermi in un open-space, ‘con i migliori promotori finanziari dell’area’. Insomma è come passare dalla mamma all’asilo nido. Prima me ne stavo tranquillo, ora sono in mezzo al casino più totale. “Poi ha deciso che dovevamo fare qualche trattativa insieme. Sai, lavoro da vent’anni, ma posso ancora imparare qualcosa da un pivello. E poi, fa parte dei compiti della balia insegnarti a fare i conticini, gestire le obiezioni, stringere la mano,  e a dire ‘buongiorno signora’ con educazione. “Quindi, mi ha iscritto a tutti i corsi di vendita al mondo, che ora mi tocca lavorare solo sulle piazze asiatiche perché di giorno sono sempre impegnato. Però, se devo passare l’anno prossimo in prima elementare, dovrò pure prepararmi a dovere, no? “Ah, l’ultima cosa. Mi ha detto che dovrei dimagrire perché non mi presento bene. “Be’, prima che decida anche che mia moglie non gli va a genio e che dovrei smetterla di guardare il calcio per darmi al cricket, sarà meglio che parli alla direzione.” Accidenti, collega. Te n’è capitato uno tosto, tipo signorina Rottenmeier. Vabbè che prima la filosofia delle banche era “Lavora sennò ti frusto”, ma dallo schiavismo alla nursery, possibile che non ci sia una via di mezzo?

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su febbraio 21, 2013 in Uncategorized

 

Il valore dei promotori “mercenari”

numero-1

PROMOTORI MERCENARI – Ci sono promotori finanziari che ogni tre anni cambiano casacca per ottenere, dalla nuova banca, un bonus del 3% sul proprio portafoglio clienti. Questo permette loro anche di riequilibrare i guadagni complessivi. Le banche, pur di reclutare, pagano questo 3%, (questo significa andare in pari in 36 mesi), anche se sanno benissimo che  “chi di bonus ferisce di bonus perisce” e quindi lo stesso promotore che è arrivato da loro con le sue belle masse, dopo tre anni può salutare e andarsene allegramente, proprio per questo le reti di vendita vincolano i promotori per almeno tre anni. Alla fine, però, si tratta di un gioco a somma zero: le stesse reti di vendita si scambiano gli stessi promotori finanziari, tutte con un 3% in meno sul bilancio per i bonus e con lo stesso numero di promotori in rete, ma con gli ultimi più felici degli altri. Le reti di vendita non guadagnano sui mercenari, ma l’articoletto con i nuovi reclutamenti che non gli renderanno nulla se lo guadagnano.

CLIENTI MOLTO FIDELIZZATI – Ora, a qualcuno potrà anche venir voglia di fare un po’ di paternale moralistica a questi promotori mercenari. Ma in realtà, bisognerebbe fare molta attenzione. Perche? Semplice: i promotori mercenari sono quelli che dimostrano di avere clienti molto fidelizzati, e quindi che sanno lavorare meglio con loro.  Sono, dunque, quelli che continuano a tener vivo il rapporto sano con i clienti, in un momento in cui tutto il settore non sembra far altro che mettersi sempre più nei pasticci. Sono quelli che si “sbattono” per ricercare per i propri clienti prodotti, soluzioni e consulenza veramente efficace e che non passano le loro giornate in porto, tanto, in fondo, chi li sposta? Come dire, spesso sono dei veri e propri “N.1” nel loro settore. E se riescono a guadagnare di più, se lo sono guadagnato tutto.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su febbraio 15, 2013 in Uncategorized