RSS

Archivio mensile:gennaio 2012

Lo spread? Va bene alto!

Matrice degli spread tra i rendimenti dei titoli di stato delle principali nazioni

Il primo tempo della manovra Monti è stato deludente e i mercati lo hanno sottolineato.

Eppure, nel complesso, le cose stanno andando nel verso giusto. Anzi, forse sarebbe stato peggio se, per qualche motivo, lo spread fosse tornato sotto i 300. Perché? Semplice: i politici avrebbero dichiarato che la crisi è finita e avrebbero preteso di andare subito a votare. Ma un voto così prematuro aumenterebbe di molto la probabilità di finire come la Grecia.

Invece uno spread così alto fa giustamente paura e permette al governo Monti di far approvare provvedimenti impopolari che un governo politico esiterebbe persino a presentare (e comunque non riuscirebbe a far passare).

Lo spread alto, insomma, aumenta le probabilità che si varino, finalmente, le riforme strutturali che si attendono da almeno vent’anni. La dinamica, insomma, potrebbe essere la seguente: approfittando del clima di apprensione e di incertezza il governo promuove interventi che danno la svolta, in positivo, ai mercati e contribuiscono a superare la crisi. A quel punto, ai governi successivi non si dovrebbe chiedere altro che di confermare la rotta virtuosa che è stata intrapresa.

Una dinamica di questo genere non è certo facile da mantenere, e il cammino non sarà facile, però c’è anche da dire che l’Italia è un paese che produce beni di qualità ed esporta molto e questo è – strutturalmente – positivo perché dà alla nostra economia una solidità che va oltre la crisi congiunturale. Anzi, da questo punto di vista, la possibilità che l’euro si svaluti a breve, potrà dare alla nostra economia un ulteriore slancio (l’eccessiva forza dell’euro, in questi anni, è stato obiettivamente un freno per le esportazioni italiane), e avere in portafoglio titoli come Buzzi, BPM, Unicredito, Fiat e un buon fondo che investe sul mercato azionario italiano, mi sembra una strategia da confermare. Quindi sui forti ribassi si compra, su forti rialzi si vende.

Per quel che riguarda l’euro e l’Europa nel suo complesso, continuo a pensare che sia sensato e opportuno confidare nei fondamentali dell’economia, e quindi consiglio di mantenere una componente europea importante nel proprio portafoglio con i migliori fondi direzionali che investono sui mercati azionari europei. L’idea è quella di lasciare maturare gli eventi, aspettarsi un allentamento della crisi e quindi avere una buona performance a fine anno. Quanto al resto, va investito sui migliori fondi con focus sul mercato americano. E senza copertura di cambio.

Se la volatilità continuerà a scendere, cominceremo a  comprare volatilità con un future o un etf; ma questo lo vedremo la prossima volta.

DULCIS IN FONDO

Templeton Global Total Return in dollari

Andamento del Fondo Templeton Global Total Return, negli ultimi 12 mesi, da Bloomberg.com

Il Templeton Global Total Return in dollari è un fondo obbligazionario che investe in tutto il mondo, in obbligazioni sia governative sia corporate. Inoltre il fondo può anche acquistare Mbs (Mortgage backed Securities), Abs (Asset backed Securities), obbligazioni convertibili e bond emessi da enti sovranazionali.

Da quando è stato lanciato (2003) si è sempre distinto per una performance molto interessante.  Somma tre rendimenti, ossia cedole, variazioni dei tassi e fluttuazioni dei cambi (nel caso specifico, l’investitore otterrebbe un beneficio in caso di rivalutazione del dollaro sull’euro). E’ tra i fondi più interessanti da avere in portafoglio.

Annunci
 
1 Commento

Pubblicato da su gennaio 31, 2012 in Attualità

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

guadagnare in Fondi OGGI – 3° Puntata: Dopo quanto tempo è sensato effettuare un bilancio dell’investimento?


Continuiamo la pubblicazione, a puntate, del tascabile “guadagnare in Fondi OGGI”, di cui abbiamo pubblicato il primo ed il secondo paragrafo. Per scaricare gratuitamente l’intero libro, basta cliccare su questo link (Ricordiamo che i dati presentati, a titolo di esempio, sono aggiornati al 2008, ma ciò non inficia la sostanza dei consigli e dei ragionamenti esposti)


guadagnare in Fondi OGGI 

1° Capitolo: QUALCHE PRINCIPIO DI BUON SENSO

3 – “Dopo quanto tempo è sensato effettuare un bilancio dell’investimento?”

Nella tabella in apertura del post sono riportate le variazioni annuali dei maggiori mercati finanziari del mondo. Come puoi notare ogni anno c’è un mercato (diverso) che fa meglio degli altri.
A due mesi dalla fine del 2008, e con quello che sta succedendo, sono sicuro nessuno può dirti chi farà meglio (o meno peggio) entro il 31 dicembre 2008, figurati nei prossimi anni. Certo è che i mercati finanziari sono tutti collegati, che le performance di ogni mercato finiscono per ripercuotersi – nel bene e nel male – anche sugli altri. Ecco perché è necessaria una strategia di investimento: perché è vero, non sappiamo che cosa ci riserva il futuro, ma la borsa non è una roulette… a meno che non sia tu a farla diventare tale. La borsa può essere un terreno di prova difficile ma gestibile e, in qualche modo, controllabile.
Diversamente dal mercato immobiliare, nel quale spesso si deve attendere anni per capire se si è fatto un buon investimento, in quello mobiliare (che non per nulla si chiama così, mobiliare, ovvero “mobile”) si può fare una verifica annuale. O, addirittura, semestrale: in effetti ogni scelta di investimento può essere considerata positivamente se comincia a dare i suoi risultati nell’arco di 6/12 mesi.
Ma, questi mesi di verifica vanno inseriti in un periodo più ampio, tra i 3 e i 5 anni o, meglio, 10 anni.

Nelle prossime puntate parleremo di cosa significa realmente “diversificare. E’ comunque possibile scaricare l’intero manuale a questo link.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su gennaio 29, 2012 in Guadagnare in fondi

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

JACKFLY – Il Romanzo – Leggi la seconda parte

Proseguiamo con la pubblicazione del romanzo JACKFLY: per leggere la prima parte, cliccate qui; per acquistare il libro, utilizzate questo link

Nel limbo

E poi sei andato in giro tutta la mattina. Così, senza una
meta precisa. Hai comprato una pelliccia ecologica per
Céline. Ti sei seduto al caffè a leggere il giornale. Cose che
non avevi mai fatto prima. A un certo punto ti sei trovato
davanti alla vetrina dell’armaiolo di via Borsieri. C’erano scimitarre,
machete, coltelli a serramanico, pistole, baionette,

tirapugni. Un festival di acciaio brunito o cromato, di forme
sinuose o scabre, di luci secche, taglienti. Chissà se gli ispettori
li ha mandati veramente Mancini, dopo la scenata
dell’ultima riunione, ti sei chiesto. Ma dai, è impossibile, ti
sei risposto lì per lì. È assolutamente un caso. E ora che ne
dici, Jack? Era davvero un caso?
Ah, ma ecco che arriva Francesca. Ti porta il giornale, che
tanto non leggi. Ma anche una buona notizia. È proprio
un’anteprima, non te l’hanno ancora detto i medici, vero?
Fra tre giorni torni a casa.

Read the rest of this entry »

 
2 commenti

Pubblicato da su gennaio 24, 2012 in Il Progetto Jackfly

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

guadagnare in Fondi OGGI – 2° Puntata: Esistono previsioni affidabili?

Continuiamo la pubblicazione, a puntate, del tascabile “guadagnare in Fondi OGGI”, di cui abbiamo pubblicato il primo paragrafo il 20 dicembre 2011. Per scaricare gratuitamente l’intero libro, basta cliccare su questo link.

guadagnare in Fondi OGGI 

1° Capitolo: QUALCHE PRINCIPIO DI BUON SENSO

2 – “Esistono previsioni affidabili?”

Restiamo sulla questione dei tempi.
Le previsioni che si possono fare in borsa – come in meteorologia – cambiano di affidabilità a seconda della lunghezza del periodo cui si riferiscono. Quelle più affidabili sono a breve termine. Più i tempi si allungano, più si cerca di guardare lontano, meno si può essere affidabili.
Nessuno sa davvero cosa accadrà tra dieci anni, ma d’altra parte è vero che negli ultimi dieci anni c’è un 10% di Fondi che è cresciuto molto di più del mercato.
Come dire: non posso dire cosa accadrà tra dieci anni, ma posso essere abbastanza sicuro di realizzare più del mercato, se compro i migliori Fondi.
La questione, quindi, non è tanto affidarsi a qualche saputello che ci dice: “Io so come andranno i mercati finanziari di qui a dieci anni”.
Nessuno può dirlo, e chi lo dice sa di mentire.
La questione sta nell’accostarsi ai mercati con metodo, disciplina e una buona dose di cinismo.
È una questione di forma mentis, insomma. Come quella che ha il capitano di una nave che parte per un lungo viaggio: non può sapere con certezza che tempo troverà lungo la rotta, né si fida di chi, sulla banchina, pretende di pronosticargli per filo e per segno le condizioni atmosferiche che lo attendono. Però il capitano sa che ha ottime probabilità di arrivare comunque in porto salvando il vascello e il suo carico perché sa come affrontare le diverse situazioni atmosferiche che potrà incontrare durante il viaggio.

EMERGENZA CRISI: PRONTO INTERVENTO!!

I tuoi Fondi stanno perdendo. D’accordo, ma prima di prendere qualsiasi decisione chiediti:
1. Perdono più o meno del loro mercato di riferimento?
2. Ultimamente c’è stato qualche cambiamento nella gestione del Fondo che ne ha peggiorato le performance?
3. Cosa fanno in confronto ai Fondi concorrenti che investono nello stesso mercato?
Se la tua risposta ad almeno due di queste domande è confortante, mi raccomando: TIENI DURO, NON VENDERE!!! Altrimenti, chiedi al tuo consulente.

Nelle prossime puntate parleremo di come e quando fare un bilancio dell’investimento. E’ comunque possibile scaricare l’intero manuale a questo link.

 
1 Commento

Pubblicato da su gennaio 17, 2012 in Guadagnare in fondi

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

JACKFLY – Il Romanzo – Leggi la prima parte

A cominciare da questo post, pubblichiamo, a puntate il romanzo JACKFLY, che è possibile anche acquistare a questo link.

Nel limbo
Dovevi averla combinata davvero grossa, Giacomo La
Mosca, per gli amici Jack, per ritrovarti a trentotto anni
all’ospedale con le ossa rotte e la terra bruciata intorno. E
poi c’è anche scappato il morto, e a questo punto le cose
dovevano cambiare per forza. Ma dove avevi sbagliato?
Eppure il tuo lavoro lo sapevi fare. Altrimenti, perché ti
avrebbero sempre pagato così bene?

Read the rest of this entry »

 
2 commenti

Pubblicato da su gennaio 15, 2012 in Il Progetto Jackfly

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,